venerdì 20 febbraio 2015

Crema di carote e arance


La ricetta che vi propongo oggi è uno dei miei classici del mi serve una zuppa ma non ho tempo/voglia/ingredienti per farla. Infatti, ci sono due cose che mi trovo sempre in frigo: carote e un cartone di succo d’arancia. Inoltre, questa squisita crema praticamente si prepara da sola, quanto è facile da fare.
Io la servo come entrée nei menu che prevedono il salmone al forno, le sere che ordiniamo la pizza a domicilio o quando sono da sola e voglio un confort food che non mi faccia stare troppo lontana dal divano  ;)  

Crema di Carote e Arancia
adattamento della Vellutata di Carote in Elle a Tavola n. 5

800 gr di carote
8 dl di brodo vegetale (quello di dado è perfetto)
1/2 bicchiere di succo d’arancia (non dolcificato!) o il succo di 1 arancia
2 cucchiai di olio

  • Preparate il brodo di dado e mettetelo da parte.
  • Pulite le carote e tagliatele a pezzetti (io ho usato quelle baby, per cui le ho lasciate così com’erano!).
  • In una casseruola unite il brodo e le carote. Portate ad ebollizione e poi lasciate cuocere fino a che le carote non sono molli (20/30 minuti).
  • Spegnete la fiamma e frullate il tutto con il frullatore ad immersione fino ad ottenere una crema.
  • Aggiungete a filo il succo d’arancia e mescolate fino a che non sia diluito.
  • Da ultimo, aggiungete i 4 cucchiai d’olio. Mescolate fino ad ottenere una crema omogenea.
  • Regolate di sale a piacimento.



Enjoy!

martedì 10 febbraio 2015

Libri per la coppia: "How to create a magical relationship"


Come vi avevo già anticipato qui, oggi riparliamo di self help e vi dirò di uno dei due libri che ho trovato interessanti sul punto. Il libro è How to Create a Magical Relationship di Ariel & Shya Kane.
Io l’ho preso su Amazon e, come per molti libri di self help, non ne esiste una traduzione italiana :( 

Bisogna ammettere che il titolo è altisonante e di certo suscita aspettative un po’ elevate (!), ma se si tralascia questo americanissimo dettaglio, si può apprezzare ancora meglio i consigli offerti dai coniugi Kane. I due - i quali stanno insieme da più di venti anni, hanno scritto libri sulla coppia e la crescita personale, tenuto seminari e dato consigli a centinaia di persone – sono considerati tra i più famosi esperti sul tema dell’aiuto alle coppie. In molti giurano sull'efficacia dei loro consigli. 
Vediamo di cosa parla il libro e qual è stata la mia esperienza…

martedì 3 febbraio 2015

Self help per la coppia: voi ci credete?


Quando penso al self help per le relazioni personali mi viene subito in mente quella puntata di Sex & the City in cui la povera Charlotte si decide a comprare online uno di quei libri dai titoli impronunciabili (del tipo “Ti ha lasciato? Puoi uscirne più forte di prima!” meehh).

La poverina, traumatizzata dai casi umani incontrati nella sezione self help della libreria,  ripone la sua fiducia nell’anonimato di Amazon e si fa recapitare il libro a casa. Peccato debba scoprire che proprio l’incrollabile Amazon (quello che le aveva garantito discrezione e consegna gratuita sopra i 25 dollari) la stava etichettando come la più imbruttita delle zitelle consigliandole altri libri dai titoli ancora più miseri.

Il self help, quindi, mi suscita duplici reazioni. Da un lato, molti titoli mi fanno quasi ridere, dall’altro, ce ne sono alcuni che mi sembrano contenere l’illuminazione (o almeno delle buone chiavi di lettura per raggiungerla ;)
A mio avviso, tutto sta nel conoscere se stessi e ciò di cui si ha bisogno.

Nessun libro ci regalerà mai un matrimonio perfetto, un corpo perfetto, o delle relazioni perfette. Forse, però, qualche libro ci darà modo di approcciarci diversamente a ciò che abbiamo, con effetti benefici per il tutto.

Fino ad ora ho letto tanti libri di self help, e ce ne sono un paio – in tema di relazioni affettive – che mi hanno colpito e mi sento davvero di consigliarvi.
Per onorare il tema di questo mese, pubblicherò dei post con la mia esperienza e le mie impressioni sui due libri di crescita personale per le coppie… che con me hanno funzionato! (e vi dirò perché!).

Intanto, sono davvero curiosa di avere qualche vostro commento sul tema.
Delle mie amiche italiane, infatti, nessuna ha mai letto libri di questo genere. Le amiche americane, invece, li leggono con più o meno scetticismo.

Sono curiosa di sapere cosa ne pensate! Voi ci credete al self help? Quali libri avete letto? Hanno funzionato? 

Photo: google images

venerdì 30 gennaio 2015

Lenticchie al curry (super buone!:)


Questa è la mia ricetta definitiva per preparare le lenticchie al curry (… buonissime! Sono una vera hit nella nostra famiglia ;)
E’ venuta fuori dopo un po’ di tentativi ed un mix di ricette.. ed è l’unica che per me funzionava davvero! Non ho altro da aggiungere se non che dovete provarla e, ovviamente, che è vegan...

Lenticchie al curry

½ litro di brodo vegetale
200 gr di lenticchie secche lavate
200 gr di mais in barattolo
1 cipolla tritata
2 spicchi di aglio tritati
2 carote tritate
2 coste di sedano tritate
q.b. olio evo per il soffritto
1 cucchiaio di curry

  • Soffriggete generosamente in olio evo la cipolla, l’aglio, le carote e il sedano.
  • Allungate con un cucchiaio di brodo e aggiungete il curry. Fate cuocere per un minuto circa.
  • Aggiungete tutto il brodo restante, le lenticchie ed il mais, e lasciate cuocere per circa 45 minuti, o fino a quando le lenticchie non sono tenere.
  • NB. Sta a voi decidere la consistenza desiderata. Potete lasciarle più brodose o far sì che il brodo si asciughi tutto (io preferisco la seconda!).



Enjoy! 

mercoledì 28 gennaio 2015

The Paradise


The Paradise è una serie tv prodotta dalla BBC ed ispirata al romanzo di Emile Zola Al Paradiso delle Signore. E’ una serie da donne, insomma.
Ne sono state prodotte due stagioni da otto episodi ciascuna - io sono ancora alla prima-, ed in Italia è trasmessa da LaEffe. (Mi direte voi se è ancora in corso).
Volevo parlarvene perché mi ci sono imbattuta - ed inflippata - del tutto casualmente.

lunedì 26 gennaio 2015

JeeYoung Lee




Splendide sono le opere della coreana JeeYoung Lee che ha ricreato ambienti ultraterreni, paradisi terrestri e visioni oniriche nel suo mini studio di Seoul.
Opiom Gallery la descrive così ed in Italia ce la porta il Corriere della Sera con questa galleria di immagini. Io le trovo tutte davvero stupende. 


Per chi sogna di fuggire via ogni lunedì mattina :)

All photos by JeeYoung Lee via Corriere della Sera e The New Yorker

giovedì 22 gennaio 2015

Zuppa di patate dolci


Per difenderci da questo rigidissimo inverno, una delle strategie che sembrano funzionare meglio per la mia famiglia è quella di avere sempre una zuppa calda pronta per cena. Tra le novità introdotte nella mia cucina quest’anno c’è quella del menu planning (di cui magari vi parlerò perché si sta rivelando provvidenziale!) e grazie a qualche piccola accortezza nell’organizzazione dei tempi sto riuscendo a sperimentare un sacco di nuove ricette.
Questa zuppa doveva essere un’altra cosa, ma – complice una lista della spesa imprecisa – ci siamo ritrovati con ingredienti random da cui è saltata fuori una piacevole novità (vegan!).
 Provare per credere : )

Zuppa di patate dolci

1 cipolla
1 cucchiaio di olio per il soffritto
1 patata gialla media
3 patate dolci in purea (potete farla voi o comprare quella in scatola se la trovate!)
2 bicchieri di brodo vegetale
1 bicchiere d’acqua
1 bicchiere di latte di mandorle o soia (accorte che non sia dolcificato)
1 cucchiaino di curry in polvere
½ cucchiaino di cumino in polvere
Pepe nero e un filo di olio per servire

  • Tritate finemente la cipolla e fatela soffriggere in olio d’oliva aggiungendo un bicchiere di brodo vegetale. Lasciate cuocere per un minuto circa.
  • Sbucciate e tagliate a dadini la patata gialla; aggiungetela al soffritto insieme al curry ed al cumino e fate cuocere per un altro minuto mescolando.
  • Aggiungete la purea di patate dolci, il latte vegetale ed il restante brodo. Mescolate il tutto e aggiungete di acqua per raggiungere la consistenza desiderata.
  • Opzionale: frullare il tutto con frullatore a immersione.
  • Lasciate cuocere per 30 min. circa a fuoco medio.
  • Servite con un filo di olio e un po’ di pepe.



Enjoy!

martedì 20 gennaio 2015

come si mette il profumo


Quando avevo diciotto anni, i miei genitori, gli zii ed io partimmo per la nostra prima vacanza di famiglia. Destinazione Parigi! 
Fu un week end meraviglioso: arte, divertimenti, risate e… un sacco di vetrine da ammirare!
In Francia, però, oltre ad avere tanti bei ricordi di viaggio, ho imparato una preziosa lezione su come indossare il profumo…

venerdì 16 gennaio 2015

tenere un diario


Da quando ho imparato a scrivere, ho sempre tenuto un diario. Se ci penso, mi sembra una cosa incredibile. 

martedì 13 gennaio 2015

saldi Promod 2015: vorrei tutto!



Quanto ti adoro, Promod!

Lo scorso anno, mentre impacchettavo tutte le mie cose per il trasloco nella vita adulta (buahuah), mi sono resa conto che circa l’80% dei miei vestiti proviene da Promod.

Da quando l’ho scoperto – nel preistorico 2008 – Promod è subito diventato il mio marchio di abbigliamento preferito e credo che nessun brand mi rappresenti più di questo; ogni volta che vado in negozio o faccio un giro sul loro sito, c’è sempre qualcosa che mi colpisce e che vorrei indossare. Durante i saldi, poi… ahhhh!!!
Tuttavia, da quando vivo negli USA – dove esistono solo pochi stores Promod e tutti molto lontani da casa mia – sono costretta ad affidarmi alla mia mamma che ora sa sempre dove andare quando vuole farmi un regalino. Sebbene mi manchino da morire le nostre missioni insieme al centro commerciale per spulciare l’onnipresente stand degli sconti (grande!!), ascoltare una di quelle adorabili canzoncine in francese che suonano nel negozio o fare due chiacchiere con le commesse, i pacchetti regalo con la scritta Promod che ogni tanto mi trovo nella posta sono diventati il nostro nuovo modo di stare insieme.

Ho cercato di svaligiare il negozio durante le mie vacanze in Italia (tre camicine e due gonne!), ma ci sono talmente tante cose carine... che vorrei tutto! Il loro sito mi fa scoprire sempre qualcosa di nuovo che mi piacerebbe comprare… tipo le cose sopra.

A voi piace Promod? E’ una delle vostre tappe durante i saldi?

…Ed ecco il pezzo forte dei miei acqusiti… awww! La adoro! ;)


Ps. Questo NON è un post sponsorizzato! ;)
Top photo: Promod 
Bottom photo: dal mio profilo Instagram ;) 
Contatore visite gratuito